Pubblicato il

Antiparassitari: uno solo potrebbe non bastare

Antiparassitari: uno solo potrebbe non bastare. Avete dato al vostro cane un antiparassitario ma non ha avuto molto successo? Provate ad associarlo ad altri sistemi di prevenzione.

A volte nonostante gli ottimi consigli del veterinario e il vostro impegno, capita che il vostro amico a 4 zampe continui a grattarsi ancora come un pazzo. Questo può dipendere da diversi motivi. Per esempio può essere che il prodotto scelto magari, nonostante sia un sistema di protezione di lungo periodo, abbia un’efficacia non massima. Può anche essere invece che il prodotto usato protegga il vostro amico a 4 zampe solo da alcuni parassiti.

A questo proposito scommetto che vi state chiedendo quali siano le caratteristiche di ciascuna tipologia di antiparassitari. Ve lo spiego subito.

Esistono 5 differenti modi di somministrazione per gli antiparassitari:

  • Collare
  • Spot-on
  • Compresse
  • Spray
  • Shampoo

I collari sono  di vari materiali. Il vostro amico a 4 zampe li troverà piuttosto comodi, perché in genere durano per tutta la stagione critica e se si bagnano, riacquistano le loro proprietà una volta asciutti.

Purtroppo, in molti casi l’efficacia di questi collari non è tale da proteggere a sufficienza il vostro amico. Quindi se decidete di usare un collare antiparassitario è meglio che lo associate ad altri sistemi di somministrazione.

Le fiale Spot-on, invece, sono fialette di plastica che contengono la soluzione antiparassitaria.

Una volta aperte, vanno immediatamente applicate sul corpo del cane. (di solito a contatto della pelle all’altezza della nuca e delle scapole dell’animale).

Per qualche giorno dall’applicazione non dovete far fare il bagno al cane. Cercate di non farlo entrare in acqua, potrebbe pregiudicare l’effetto contro i parassiti. Di solito le applicazioni di spot-on vanno fatte una volta al mese lungo tutta la stagione interessata e questo sistema può garantire effettivamente una protezione adeguata.

Le compresse, somministrate per bocca vengono assorbite nel sangue e si distribuiscono in tutti gli organi (fegato, reni e muscoli).

Uccidono pulci e zecche solo dopo che queste hanno punto il cane entrando così in contatto con il principio attivo. Hanno durata variabile a seconda del prodotto e del tipo di parassita. Liberano il cane dai parassiti presenti sul suo corpo ma non lo proteggono dalle punture.

Lo Spray, infine,si spruzza sul cane e arriva direttamente sul pelo e sulla cute. Agisce sui parassiti per contatto e alcuni hanno anche effetto repellente come gli spot-on e i collari. L’attività si manifesta immediatamente e la durata è variabile a seconda del prodotto impiegato.

Quali e quanti darne quindi?

Dopo un attenta riflessione con il vostro veterinario, la soluzione è sempre provare. Provate! Osservate la reazione che il vostro pet ha di fronte all’applicazione di un solo prodotto (quello più idoneo al tipo di parassita del vostro amico a 4 zampe)  e verificate se solo quello può essere sufficiente. Difficilmente basterà un solo prodotto, ma non si sa mai. Tendenzialmente sono i collari e le compresse a necessitare di un’altro antiparassitario che le accompagnino, mentre lo spot-on  è più facile che possa funzionare da solo.

Capisco non sia facile scegliere. Per questo vi propongo qui sotto degli accostamenti provati personalmente, che hanno avuto un ottimo risultato.

 

Kit Antiparassitari Shampoo Salviette Collare Leis

1- Kit Antiparassitari Shampoo Salviette Collare Leis 

Kit Antiparassitari Spot-on Collare Spray Ambiente

2- Kit Antiparassitari Spot-on Collare Spray Ambiente Camon

Kit Antiparassitari Spray Salviette Collare Barriera

3- Kit Antiparassitari Spray Salviette Collare Barriera

Kit Antiparassitari Spray Salviette Collare Gatto

4- Kit Antiparassitari Spray Salviette Collare Gatto

Provali,  fammi sapere come ti sei trovato. E se trovi altri accostamenti da suggerirmi, Fallo. Potranno essere sicuramente di aiuto ai nostri lettori e ai nostri clienti.

Lascia un commento