Seleziona una pagina

Sicuramente vi sarà capitato di trovare nel vostro negozio di acquari delle piante dal nome simile all’Hygrophila Guianensis. In effetti  col nome “Hygrophila” si individuano numerose piante per acquario, belle e generalmente di facile coltura.Noi ne abbiamo scelta una in particolare, bella da vedere e facile da coltivare. Sicuramente adatta al principiante che vuole lanciarsi nella coltivazione delle piante d’acquario, questa pianta potrà dare molta soddisfazione.

Hygrophila, Etimologia:

Il nome Hygrophila deriva dal genere tipo di queste piante, Hygrophila appunto,  la cui origine è dalle parole greche hygros ( = umido, acqua, bagnato) e philos ( = amico, favorevole, amorevole), quindi piante adatte ad habitat umidi o bagnati (Wikipedia, Hygrophilinae). Questo nome scientifico è stato attribuito per la prima volta a questa specie con una pubblicazione del 1832. Si tratta quindi certamente di piante che di storia ne hanno tanta.

Hygrophila Guianensis bella e facile per il principiante:

L’Hygrophila Guianensis quindi non è altro che una delle oltre 100 della famiglia specie a cui appartiene. Iniziamo da una sintesi su questa pianta:

  • Nome scientifico: Hygrophila guianensis
  • Famiglia: Acanthaceae
  • Dimensioni massime in acquario: 15 – 40 cm (5.91 – 15.75 inch)
  • pH raccomandato per questa specie: 6 – 8
  • Durezza dell’acqua raccomandata (dGH): 4 – 18°N (71.43 – 321.43ppm)
  • Temperatura raccomandata: 20 – 30 °C (68 – 86°F)
  • Riproduzione della pianta: Rizoma
  • Origini (in natura): Sud America
  • Velocità di accrescimento: Rapida
  • Substrato raccomandato: Fine gravel
  • Illuminazione richiesta: Luminosa
  • Posizione ideale in vasca: Secondo piano, Sfondo

Si tratta fondamentalmente di una pianta facile da coltivare, che richiede una buona illuminazione e dell’acqua mediamente dura e neutra. Questa bella piantina predilige la crescita in gruppo e siccome diventa piuttosto alta, dovrebbe essere posizionata sullo sfondo dell’acquario, per non occultare la visibilità.

Queste caratteristiche di base fanno della Hygrophila Guianensis una pianta non soltanto bella e decorativa, ma soprattutto abbastanza facile da gestire, anche per il principiante.

Hygrophila Guianensis, riproduzione:

La riproduzione di questa pianta avviene per rizoma. La crescita rapida necessita di potatura. Col taglio della piantina, rimuovendo le foglie alla base, è sufficiente piantare il nuovo stelo facendo attenzione a non schiacciarlo. In breve tempo spunteranno nuove radici che permetteranno facilmente la propagazione di questa pianta. Per la crescita rapida delle nuove radici occorre assicurarsi che il substrato contenga abbastanza nutrienti: questo permetterà maggiore rapidità nella formazione della nuova pianta.

Facile e per Principianti?

Naturalmente facile e per principianti non significa che anche questa Hygrophila non abbia le sue esigenze. Sicuramente è una pianta semplice da coltivare, ma come tutte le piante necessita di elementi nutritivi per rendere al meglio. Le condizioni dell’acqua devono essere quelle giuste, sebbene sia una pianta abbastanza tollerante.

In tutti i casi se qualcosa non va sarà la pianta stessa ad avvisarvi. La perdita frequente delle foglie, in particolare dalla parte bassa della pianta, è sintomo di carenza di nutrienti. Inoltre questa pianta da il meglio di se se piantata in gruppo. Non disperdetela quindi nell’acquario, se volete che si diffonda tanto e rapidamente. Inoltre se state utilizzando una vasca aperta, è facile che la pianta cresca oltre la superficie dell’acqua.

Hygrophila Guianensis, quasi quasi la compro!

Certo, io l’ho comprata, coltivata e riprodotta. Mi sono trovato bene, l’ho trovata veramente facile e bella quindi sono qui a raccontarla e a suggerirla a voi acquariofili, se non la conoscete già.

Per questo ho deciso anche di inserirla a catalogo: per la soddisfazione che da, ne vale assolutamente la pena.

Se l’avete posseduta, coltivata, riprodotta. Se ha decorato il vostro acquario e vi ha soddisfatto, fateci sapere la vostra opinione e la vostra esperienza. Tornerà sicuramente utile a noi, ma soprattutto ai nostri lettori.